CREA UN TEMA, RACCONTA UNA STORIA.

La società frenetica in cui viviamo porta le persone a cercare sempre nuovi stimoli e novità. Per attirare i clienti bisogna trovare sempre idee originali e creative, qualcosa che catturi l’attenzione, che dia un motivo per fermarsi a guardare ciò che vogliono comunicare.
Come realizzare un visual merchandising di successo?
Proviamo a pensare a quali sono le vetrine che solitamente ci colpiscono: sicuramente quelle con un tema scenografico che raccontano una storia attraverso elementi visivi. Questo perché un’esposizione emozionale mette in  risalto la merce rendendola più desiderabile.
Autunno, inverno, primavera e estate sono tutte occasioni da sfruttare, come anche le classiche ricorrenze e festività o i saldi. Se si lancia un nuovo prodotto o una nuova linea bisogna assolutamente metterli in evidenza, mentre nei periodi di mezzo perché non utilizzare fondi colorati o giocare con effetti geometrici?

IDEE PER L’ALLESTIMENTO VISUAL.

Alcuni esempi per mettere in pratica questi concetti.
Se si deve allestire una vetrina di abbigliamento per bambini per il back to school prepariamo un’ambientazione focalizzata sulla scuola, utilizzando lavagne, libri, zaini e sedie.

Se invece si deve lanciare l’ultima collezione di costumi da bagno o prodotti per la cura della pelle in estate, ricreiamo la spiaggia (o la piscina / il mare) utilizzando sabbia sintetica, ombrelloni, asciugamani, fondali a tema marino, barche in cartone o gonfiabili.

Per un visual merchandising di successo perché non utilizzare anche solo il colore? Per presentare prodotti per la casa alterniamo fantasia e tinta unita con i colori estivi bianco/blu, o quelli autunnali della terra per preparare una tavola da mangiare con gli occhi.
Consiglio: non esagerare inserendo troppi elementi, utilizzali solo per contestualizzare ed evidenziare la merce.

ELEMENTI DECORATIVI E MATERIALI ESPOSITIVI.

A seconda del tema scelto inseriamo gli elementi decorativi da utilizzare: poster, fondali, cornici, oggetti in cartone, carte da parati, pannelli retroilluminati o supporti multimediali.
Completiamo lo spazio espositivo inserendo oggetti di uso quotidiano, come ad esempio sedie o poltroncine; complementi d’arredo acquistati in negozi low cost (Ikea, Ovvio o Casa ci vengono sempre in aiuto in questi casi) oppure qualche elemento acquistato nei mercatini dell’usato, soprattutto se si vuole ricreare un effetto vintage e dare un tocco diverso e originale al visual display.
Anche le vetrofanie sono un buon mezzo per decorare, oltre che per comunicare messaggi importanti come orari, sconti o promozioni.

Alcuni marchi forniscono poster o cartelli vetrina. Utilizzare le immagini di campagne pubblicitarie che ci vengono fornite rafforzano il nostro messaggio: questo tipo di comunicazione viene sempre utilizzata da colossi come Nike e Adidas che abbinano il prodotto alle immagini… un doppio vantaggio: il cliente fa un’associazione immediata con una comunicazione potente e ci permette di allestire risparmiando.

Consiglio: i poster e le gigantografie possono essere utilizzate per dividere l’area espositiva da quella di vendita. Le vetrine Intimissimi Pandora ne sono un fantastico esempio.

Chiudi il menu