CONSIGLI PER ALLESTIRE LA VETRINA DI UN NEGOZIO

La prima volta che mi sono approcciata a questo lavoro mi sono chiesta: da dove comincio?
Si parte proprio da qui, dal porsi delle semplici domande su come realizzare la vetrina perfetta. Partiamo da come applicare alcune efficaci tecniche di visual merchandising adottabili in tutti i negozi, sia che si tratti di abbigliamento, sia di prodotti o alimentari.

  1. chi è il nostro cliente? Sapere a chi vogliamo comunicare ci permette di focalizzarci sul target corretto;
  2. prima di cominciare l’allestimento hai selezioniamo i prodotti su cui puntare? Va individuata la merce di tendenza, quella di cui abbiamo disponibilità per quantità, taglia e colore, mettendo i best sellers in primo piano;
  3. come rendere i prodotti accessibili? La merce esposta deve essere visionabile e acquistabile, perciò i manichini, gli espositori e gli scaffali devono essere sempre a portata di mano, ovvero a 50-150cm di altezza da terra;
  4. con quale frequenza cambiamo le vetrine? È il nostro biglietto da visita, per questo se vogliamo attirare l’attenzione dobbiamo cambiarle ogni 3 o 4 settimane, 6 al massimo! Un grande sforzo, vero; ma verrà ripagato.
  5. dove posso trovare ispirazione? Una buona abitudine è quella di vedere cosa fanno gli altri, soprattutto i marchi importanti, visitare le grandi città o, più semplicemente, guardare online dove sempre più aziende pubblicizzano le proprie collezioni.
link all'articolo "Visual merchandising di successo"

FONDAMENTALI TECNICHE DEL VISUAL MERCHANDISING

Wikipedia definisce così il visual merchandising : “L’insieme di operazioni, in sintonia con la strategia commerciale, che collocano il prodotto all’interno del punto vendita e che riguardano il sistema espositivo, l’ambientazione, l’illuminazione, la grafica. La traduzione letterale è visualizzazione della merce, ma indica una serie di operazioni molto più complesse: un linguaggio commerciale creativo”

Questo linguaggio si trasmette attraverso le seguenti tecniche:

  1. disposizione verticale e la regola del tre;
  2. raggruppamento della merce per colore;
  3. ripetizione simmetrica o a piramide
  4. aggregazione merceologica;
  5. creazione di look e idee di abbinamenti.

 Queste sono solo alcuni principi per realizzare la vetrina perfetta, l’argomento merita sicuramente un approfondimento!

CORSI PER VISUAL MERCHANDISERS

Non sono qui per vendere corsi, ma sono dell’idea che il buon gusto e la predisposizione a questo lavoro non siano sufficienti. In un mondo in cui la competizione è altissima e tutti vogliono vendere, imparare le tecniche giuste è fondamentale. Frequentare un corso e fare pratica con un insegnante sarebbe la soluzione migliore, ma per chi non avesse il tempo o la possibilità può cominciare con qualche corso online. Solo un consiglio: non scegliete solo in base al costo, ma optate per tutorial realizzati da persone esperte e competenti, che diano un reale un apporto al vostro lavoro.

Chiudi il menu