Pianificare la rotazione delle vetrine è utile per prepararsi per tempo con il materiale espositivo ed organizzare al meglio la merce per esporla nel momento giusto.
I calendari espositivi possono essere redatti in qualsiasi momento dell’anno ed avere una copertura variabile che può essere di 3, 6 o 12 meglio.
In ogni caso ci sono alcuni fattori indispensabili da tenere sempre presente.

FREQUENZA

La domanda più gettonata è: ogni quanto devo cambiare le vetrine per mantenere vivo l’interesse del cliente? Purtroppo la risposta è dipende!

I tempi variano a seconda della posizione del negozio, del passaggio e della merce esposta (l’abbigliamento ovviamente verrà cambiato più spesso rispetto ai gioielli).
Considerati questi fattori si può dire che la struttura della vetrina (il tema) può rimanere invariato per un mese, ma la proposta merceologica va rinnovata ogni 10/15 giorni.

frequenza

CONSIGLIO: In caso di negozi di abbigliamento se le vetrine sono esposte al sole è opportuno cambiare la merce con maggiore frequenza per non rovinare i capi (macchie dovute al sole).

 

stagionalità

STAGIONALITÀ

Il cambio stagione è un fattore importantissimo ed è bene anticiparlo esponendo le nuove collezioni: l’energia trasmessa dai nuovi colori, dalle nuove proposte e dall’idea di cambiamento attirerà l’attenzione.
A febbraio, ad esempio, si espongono le collezioni primaverili sia per venire incontro alla prossima necessità d’acquisto dei clienti, sia per spingere la vendita della campagna acquisti del negoziante.

FESTIVITÀ

Nel vostro calendario non devono mai mancare le ricorrenze come Natale, Pasqua, festa della mamma/donna, San Valentino o Halloween.
Sono tutte occasioni in cui le vendite aumentano, pertanto è corretto pensare di realizzare una vetrina ad hoc.

Festività

CONSIGLIO: Definendo festività e stagionalità si può gestire correttamente il budget destinando più fondi per i periodi (come il Natale) di maggiore ritorno.

 

CONSEGNA MERCE

Le novità catturano sempre l’attenzione, dobbiamo perciò programmare le uscire a seconda degli arrivi di merce, per proporre le collezioni flash o i nuovi colori/fantasie di tendenza.

TEMPO

L’ultimo suggerimento da seguire è tenere in considerazione il tempo, quello necessario per la ricerca del materiale espositivo (accessori  o vetrofanie ad esempio) e quello da dedicare ad allestire o smontare le vetrine.

Tempo
Benner La mia Vetrina
Chiudi il menu